VII mondialito antirazzista Assata Shakur – vince il Brasile

IL BRASILE TRIONFA SULLA FORTISSIMA BOLIVIA

Il VII torneo antirazzista si conclude con la vittoria finale del Brasile sulla Bolivia per 7-4, sotto gli occhi di almeno duemila persone che hanno gremito Piazza Pertini sabato 5 luglio. Questa edizione verrà ricordata sicuramente per la grande partecipazione ed il calore del pubblico. Le tribune e la piazza hanno iniziato a riempirsi prima con la finale per il terzo e quarto posto vinta dal Cusco sul Perù, poi con la finale femminile tra Real Ancona e Morrovalle vinta dalle ragazze maceratesi per 2-0. Al fischio di inizio della finale maschile le tribune erano un vero e proprio tripudio di colori e suoni, i fumogeni aperti da entrambe le tifoserie hanno per alcuni minuti dato un atmosfera surreale alla piazza in pieno centro e la voce di Matteo Magnarelli in qualità di cronista ha fatto sembrare a tutti di partecipare veramente a una finale mondiale.

Il campo alla fine premia il Brasile, ma la Bolivia non ha sicuramente demerito e ancora una volta si è dimostrata tra le formazioni più forti e corrette della manifestazione. Al di là degli aspetti sportivi va sottolineato il raggiungimento di quello che è il vero spirito del mondialito antirazzista, cioè non un semplice torneo di calcio ma un momento in cui i migranti presenti nella nostra regione diventano attori protagonisti, dove l’integrazione da teorica diventa reale. Tantissime persone provenienti da almeno trenta paesi diversi si sono date appuntamento in Piazza Pertini per un mese, hanno avuto l’occasione di scambiare idee o semplicemente di conoscersi. In una società in cui il legame sociale sembra essersi rotto del tutto e il vicino è il tuo nemico, la manifestazione ha cercato di riannodare, nelle sue potenzialità, delle relazioni. Dalla piazza sono partiti anche diversi messaggi per quello che riguarda alcuni temi sia locali che nazionali, il primo tra tutti l’opposizione ferma all’eventualità che venga costruito un centro di identificazione e espulsione per migranti (ex cpt) a Falconara, alla società dell’intolleranza e della segregazione la Polisportiva Antirazzista Assata Shakur propone pratiche di integrazione ed accoglienza. Un altro striscione a firma dell’Ambasciata dei Diritti recitava “Impronte digitali-DNA No alle schedature etniche” in riferimento all’intenzione del governo di prendere le impronte digitali ai bambini rom, raccapricciante il deja vu storico che ricorda la schedatura dei bambini ebrei con la scusa del censimento.

Sempre l’Ambasciata dei Diritti ha curato per tutta la durata della manifestazione la promozione della raccolta differenziata, creando da un lato una mostra multilingue per incentivare il riutilizzo e la differenziazione dei rifiuti, dall’altra dando vita a un questionario in cui si è cercato di capire quale sia il grado di informazione e quali sono le aspettative dei migranti in un tema di grande attualità. A tutti colori che si sono recati al banchetto è stata donata una maglia multilingue con scritto “io mi differenzio – Strategia Rifiuti 0”, per ricordare come un mondo migliore è possibile. Infine durante tutto il periodo del torneo è stato girato un film documentario per prendere al volo l’occasione di avere concentrati tutti insieme migliaia di migranti, e cercare di capire le dinamiche complesse dell’integrazione.

Alle premiazioni finali hanno preso parte sia il sindaco di Ancona Fabio Sturani, che il presidente della seconda circoscrizione Stefano Foresi, entrambi si sono da sempre dimostrati sensibili ai temi dell’integrazione e questa presenza ha dato quell’ufficialità alla manifestazione che probabilmente si merita. Particolarmente commoventi durante la cerimonia delle premiazioni sono stati i momenti in cui venivano consegnati il premio Fair Play all’Afganistan, squadra giovanissima proveniente da un paese martoriato dalla guerra e il premio “Andrea Cesca” (in memoria di un ragazzo italo-rumeno) vinto dal Sudan.

Risultati:

finale 1° 2° posto maschile***** Brasile-Bolivia 7-4

finale 3° 4° posto maschile*****Cusco-Perù Ancona 3-0

finale 1° 2° posto femminile*****Real Ancona-Morrovalle 0-2

DSC00688 DSC00690

(nelle foto le formazioni maschili finaliste)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Mondialito antirazzista, VI - IX Mondialito e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...