VIII mondialito antirazzista Assata Shakur – risultati prima fase

PRIMA E SECONDA GIORNATA VIII MONDIALITO ANTIRAZZISTA

 L’ottavo mondialito antirazzista organizzato dalla Polisportiva Assata Shakur si è aperto Sabato 6 giugno in maniera ufficiale alle ore 20,30 con la sfilata di tutte le ventiquattro squadre partecipanti. Nel corso della cerimonia di apertura è stato esposto, e poi passato mano per mano uno striscione con scritto “la nostra città è multietnica” in risposta alle dichiarazioni del presidente del consiglio che non vorrebbe un Italia multietnica, sottolineando con questa frase l’inclinazione razzista del nostro governo.
  .
 
Da sottolineare il dato del pubblico ogni anno sempre più numeroso, allegro e festante tra sabato e domenica più di mille persone hanno assisto ai diversi incontri senza mai far mancare il loro incitamento.

Dal punto di vista sportivo il torneo è iniziato con la partita tra Perù Ancona e il Cochabamba, con la vittoria dei boliviani per 7 a 5, autori di una rimonta incredibile, infatti i peruviani in vantaggio di 5 a 1 hanno mollato in maniera inaspettata e il cochabamba al debutto nel mondiale antirazzista ne ha tratto profitto.

La seconda partita di Sabato 6 giugno tra Tunisia e Senza Confini ha visto dominare i nord africani per 12 a 2, un risultato a sorpresa nelle dimensioni contro una squadra che si era sempre distinta nel mondialito.

Più equilibrato il match tra Assata Shakur e Cusco, vinto dai sud americani per 2 a 1 contro la squadra organizzatrice che comunque realizza il gol più bello con un colpo di tacco dell’attaccante Diego Moretti.

Infine i campioni in carica del Brasile passeggiano contro una più debole seppur volenterosa Maggiolo. Comunque vale la pena spendere due parole sul Maggiolo squadra estremamente sportiva e composta da molti minori provenienti da più parti del mondo (Afghanistan, Albania, Italia, Nigeria etc) ebbene questa squadra interpreta alla perfezione quello che è lo spirito del torneo e nonostante fosse stata in svantaggio di diverse reti non ha mai perso il sorriso… complimenti!

      

Domenica 7 giugno invece la prima partita tra i vice campioni della Bolivia e l’associazione Sguardo è finita 8-3 ma nonostante il risultato finale il match è stato fino a 20 minuti alla fine in equilibrio poi ha prevalso l’organizzazione dei sud americani.

Spettacolari le partite tra Senegal- circolo africa (9-7) e Marocco Vallesina-Steaua (7-5) entrambe combattutissime con un pubblico rumoroso e colorato che sottolineava ogni azione dei propri giocatori con urla suoni di tamburi e boati. Ottima impressione hanno destato tutte le debuttanti di questo torneo dallo Steaua sconfitto di misura all’Albania che cade in piedi contro un temibile Santo Domingo

SABATO 06/06/2009 

Perù – Cochabamba 5-7

Tunisia – S. Confini 12-2

Cusco-Assata Shakur 2-1

Brasile – Maggiolo 10-0

DOMENICA 07/06/2009

Bolivia – Ass. Squardo 8-3

Senegal – Circolo Africa 9-7

Maroccco V.E. – Steaua 7-5

Santo Domingo – Albania 7-2

TERZA GIORNATA

La terza giornata del mondialito antirazzista vede l’uscita di scena della squadra senza confini, la prima ad essere eliminata dal torneo mentre l’Argentina si giocherà con la Tunisia il primo posto del girone con la qualificazione agli ottavi già in tasca. Il Perù Ancona riscatta la falsa partenza della prima giornata ed infligge un sonoro 8-2 alla squadra turca del Kebab Connection al debutto in questo torneo.

MARTEDÍ 09/06/2009

Perù – Kebab Connection 8-2

S. Confini – Argentina 1-4

QUARTA GIORNATA

Con le rispettive vittorie Cusco e Senegal si aggiudicano il passaggio agli ottavi di finale mente per bangladesh e Nord Africa c’è ancora una possibilità. La squadra del Nord Africa se la giocherà contro il Circolo Africa e da quello che si è potuto vedere fino ad oggi sarà un incontro molto combattuto. Il Bangladesh invece lega le sue ultime speranze all’incontro di domenica contro Assata Shakur che può vantare una migliore differenza reti.

MERCOLEDÍ 10/06/2009

Cusco – Bangladesh 12-0

Senegal – Nord Africa 5-3

QUINTA GIORNATA 

La Bolivia è la terza squadra a centrare l’obbiettivo degli ottavi di finale, la squadra sudamericana ha la meglio contro le Comunità Resistenti che non hanno comunque demeritato esprimendo a tratti un ottimo gioco. La Romania riesce nell’impresa di battere i campioni in carica del Brasile dopo un incontro vibrante ed a lungo in equilibrio, la squadra rumena sotto di 3 a 1 prima agguanta il pareggio e poi nei quindici minuti finali trova due reti importantissime che gli fanno ipotecare il passaggio del turno. GIOVEDÍ 11/06/2009

Bolivia – Comunità Resistenti 5-2

Brasile – Romania 3-5

SESTA, SETTIMA E OTTAVA GIORNATA

VENERDÍ 12/06/2009

Maroccco V.E. – Sudan 9-3

Santo Domingo – Afghanistan 7-4

SABATO 13/06/2009

Cochabamba – Kebab Connection 7-4

Tunisia – Argentina 4-2

Ass. Squardo – Comunità Resistenti 0-5

Maggiolo – Romania 12-1

DOMENICA 14/06/2009

Assata Shakur – Bangladesh 10-2

Circolo Africa – Nord Africa 1-4

Steaua – Sudan 5-1

Afghanistan – Albania 10-1

Domenica si è conclusa la prima fase del mondialito antirazzista Assata Shakur, sedici le squadre che si sono qualificate agli ottavi che sabato 20 e domenica 21 giugno daranno vita agli scontri diretti. Eliminate quindi al primo turno la squadra Turca, l’Associazione Sguardo, il Bangladesh il Maggiolo, il Sudan, l’Albania e a sorpresa il circolo Africa e Senza Confini. La prima fase del torneo si è contraddistinta in primo luogo per un grande fair play tra le formazioni e poi per il numero veramente inaspettato di spettatori che hanno assistito giornalmente alle partite disputate sul rettangolo verde di piazza Pertini.
Agli ottavi quindi si sfideranno:Sabato 20/06/2009 Cochabamba-Afghanistan (ore 18.30) Tunisia-Steaua (19.30) Bolivia-Nord Africa (20.30) Romania-Assata Shalur (21.30)mentre domenica 21/06/2009 Marocco v.e.- Argentina (ore 18.30) Cusco-Brasile (19.30) Senegal-Comunita’ Restenti (20.30) S.Domingo-Peru’ (21.30) grande spettacolo quindi con sfide che si preannunciano interessantissime.
Del torneo aldilà dell’aspetto sportivo quello che colpisce ogni anno sempre in maniera crescente è l’atmosfera di festa che si respira, immaginate circa trecento quattrocento persone di almeno trenta nazionalità diverse che si incontrano con il pretesto di giocare o vedere una partite di calcio ed iniziano a interagire a raccontarsi, ognuno con la propria esperienza e la propria vita.
Intorno al campo nascono progetti idee e relazioni che poi si sviluppano anche a manifestazione terminata, in poche parole si fa integrazione e questo è la partita con il risultato più bello.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Mondialito antirazzista, VI - IX Mondialito e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...