10^ giornata di campionato (andata)

22/11/2014 campo sportivo don Orione di Candia, ore 17
KONLASSATA ANCONA – PORTUALI ANCONA 0-2

serKONLASSATA ANCONA: Fajdek, Guimfack, Stoian, Anaya, Palombi, Omokaro, Gjoni, Urena, Bucur, Coman, Santiago (C). In panchina: S.P., Lopez, Aboushahin, Luchian, Gjini, Rumori, Abram J. All. Ventrella L.

PORTUALI: Saracini, Amico, Angiletti, Scoponi, Ulisse, Burattini, Orsetti, Pietrucci, Boriani, Tunnera, Traversa. In panchina: Tittarelli, Baldoni, Lucchi, Bellavigna, Saracini, Baldetti, Sardella.

spSiamo carichi dentro gli spogliatoi, la lunga chiaccherata di giovedì ha dato parzialmente i suoi frutti, nell’atteggiamento e nella determinazione, ma è un periodo nero…  Dagli spalti in concomitanza con tutti i campi in cui scendono le nostre squadre antirazziste e popolari, viene esposto lo striscione LO SPORT POPOLARE NON SI TOCCA, in solidarietà con i ragazzi dell’Ardita San Paolo, squadra romana di 3^ categoria, che una settimana fa è stata vittima di una pesante aggressione da gruppi neofascisti, un agguato vile e grave che ha colpito una società come la nostra, che porta avanti un calcio popolare a antirazzista. 

PRIMO TEMPO (0-1) Giochiamo un gran primo tempo e dopo due occasioni per noi, una di Gjini e l’altra di Palombi, andiamo sotto, 0-1. Al 20′ sfortunatissimi colpiamo un palo con Bucur. Al 29′ un gran tiro di Stoian appena entrato, grande la risposta del portiere in angolo. Al 32′ gran botta di Bucur, para ancora il portiere in angolo. Al 40′ occasionissima per pareggiare, la botta di Palombi a colpo sicuro in due tempi sulla linea di porta ancora il portiere. Prima del fischio ancora un tiro di Stoian.

SECONDO TEMPO (0-2) Nel secondo tempo i Portuali si trovano più a loro agio, chiudono bene gli spazi nel piccolo campo del don Orione e lanciano in avanti in cerca di fortuna. Non registriamo grandi occasioni da goal, solo un goal annullato ai Portuali, perché la palla era già uscita prima del tiro in porta. Al 45′ un tiraccio da fuori, papera del portiere, palla sotto le gambe e goal che fissa il risultato all’inglese.
Da registrare che con questa sconfitta perdiamo dopo 10 giornate la prima posizione e ironia della sorte, siamo anche fuori dai play off.
Dopo la sconfitta, offriamo come di consueto un grande terzo tempo agli amici dei Portuali e al direttore di gara, che apprezza molto la nostra iniziativa.
Martedì all’allenamento dovremo ritrovare la giusta voglia e grinta per ripartire.

Forza ragazzi, crediamoci fino alla fine!!

Risultati, classifica, calendario

PAGELLE

Pawell – 5 – Primo tempo trascorso tra uscite in ritardo e sbadigli, una sola parata su colpo di testa e una serie di incertezze che potevano costare care alla squadra. Sull’azione del goal nulla può sul tiro, mentre avrebbe potuto uscire con prontezza se non fosse stato troppo sulla linea di porta. Secondo tempo un pochino più attivo, ma poi è imperdonabile l’errore sul due a zero.

Donald – 6,5 – buona partita dell’esterno di difesa. Presidia bene la sua zona e il suo avversario non è mai pericoloso. Non spinge come altre volte, ma non commette nemmeno ingenuità, che altre volte sono costate care alla sua squadra. In ripresa.

Alin – 6,5 – il soldatino si fa sorprendere sull’azione dell’1 a 0, forse c’era anche fallo su di lui, ma poi sforna una partita tutta grinta e sostanza e va addirittura vicino al goal nel primo tempo, costringendo il portiere avversario a una parata pazzesca. Troppo nervoso nel secondo tempo.

Anaya – 6 – liscia il primo intervento, ma poi gioca una partita tutta diligente tentando di dare serenità al reparto difensivo. Non dà ancora la sicurezza iniziale, ma sicuramente è in ripresa rispetto alle ultime apparizioni.

Omokaro – 7,5 – partita da gladiatore. Viene inserito come centrale difensivo e per gli avversari che si avvicinano nella sua zona, è notte fonda. Contrasta, rilancia con precisione, recupera e anticipa, con la massima attenzione. Nell’ultima parte viene rispostato a centrocampo e cerca di ridare vitalità a un reparto un po’ agonizzante. Un monumento. Ammonito, sarà squalificato: grave perdita.

Palombi – 6,5 – partita tutta grinta e generosità per il centrocampista biancorosso. Magari a volte è poco lucido nelle ripartenze, ma recupera una quantità incredibile di palloni provando ogni volta a trasformare l’azione da difensiva a offensiva, in pochissimi istanti, ovviamente a discapito della precisione. Mezzo voto in meno per l’occasione del pareggio sciupata nel primo tempo… era un rigore in movimento.

Urena – 5,5 – non una grande partita per il centrocampista dell’Assata, perde la palla che poi dà il la all’azione dell’uno a zero. Non riesce mai ad accorciare efficacemente verso gli attaccanti, mentre soprattutto nel finire del primo tempo, aumenta l’agonismo e recupera una quantità importante di palloni. Nella ripresa scende fino a costringere il mister a sostituirlo.

Bucur – 6 – non manca l’impegno e soprattutto nel primo tempo impreziosisce alcune giocate con della qualità che pochi hanno, ma le due occasioni che gli capitano sui piedi gridano ancora vendetta. Colossale la prima, in cui calcia a botta sicura e colpisce il palo.

Santiago – 5 – Il capitano non è in giornata. Prova a dare vivacità alla manovra, ma non riesce a tirare fuori un ragno dal buco. Sempre fuori posizione, sempre nel posto sbagliato al momento sbagliato, anche le scelte di passaggio raramente sono le più ottimali. Una partita storta può capitare. Forza capitano.

Klady – 6,5 – il “Maradona dei Carpazi” a sorpresa tra gli undici titolari è una spina nel fianco per la difesa dei portuali soprattutto il primo tempo. Gioca un’infinità di palloni e prende punizioni su punizioni, cala vistosamente nella ripresa, anche se poi a conti fatti, è uno dei pochi a crederci fino alla fine.

Mihai – 6 – gioca per la squadra cercando di prendere palloni e appoggiarli ai compagni, ma raramente riesce ad andare al tiro, è efficace nel gioco di sponda e nel pressing. Cala anche lui nella ripresa, anche male assistito dai compagni di reparto.

Erindi – 6 – entra nel secondo tempo, prova a portare scompiglio alla difesa dei portuali, ma non riesce a incidere come vorrebbe e dovrebbe, anche perché i Portuali si chiudevano bene e non lasciavano spazi agli attaccanti biancorossi.

Radu – 6 – entra per spostare a centrocampo Israel, non commette grossi errori, ma non dà mai l’idea di massima sicurezza. Da lui e dalla sua esperienza l’apporto deve essere sicuramente maggiore in termini di quantità e qualità.

Abram – sv – una manciata di minuti, per far rifiatare Donald.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Calcio, Calcio a 11 e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...