20^ giornata di campionato (7^ di ritorno)

28/2/2015 campo vecchio comunale, Castelfidardo
REAL  CASTELFIDARDO – KONLASSATA ANCONA  1 -3
(23′ pt Bucur (R), 2′ st Bucur, 47′ st Gjoni)

REAL CASTELFIDARDO: Iaconisi, Serenelli, Formicola, Cipollini, Pellegrini, Landu, Campanari, Paterniti, Galizi, Basile, Longo. In panchina: Cusanno, De Jesus, Scandali, Vitaloni, Magi, Cherkani.

KONLASSATA ANCONA 2001: Calò, Soliz, Lopez, Anaya, Ciarrocchi, Omokaro, Guimfack, Coman M., Bucur, Santiago, Gjoni. In panchina: Ritelli, Pugnaloni, Luchian, Ceesay, Coman D., Spina, Palombi. Mister Luigi Ventrella.

IMG_20150228_175857 IMG_20150228_175939

Non intendiamo perdere l’occasione di vincere e di rientrare dopo 10 giornate nella zona play off e lo facciamo meritatamente, una bella vittoria, ancora una volta sofferta, ma strameritata.

PRIMO TEMPO (1-0) 4′ bel lancio per Gjoni, che controlla bene e tira di poco fuori. Al 7′ va alta una punizione dei padroni di casa. All’11’ punizione di Ciarrocchi sulla barriera. Al 14′ bella palla di Coman M. per Guimfack, che si trova solo davanti al portiere, ribatutto il suo tiro. Al 20′ da un rinvio del portiere la nostra difesa si fa trovare impreparata, il tiro dell’attaccante si perde sul fondo. Al 23′ bella giocata in area di Coman M., che viene atterrato, rigore netto, va al dischetto Bucur che segna, 0-1. Al 30′ cross di Bucur per Coman M., fuori di poco. Al 36′ su calcio d’angolo per l’Assata il tiro di Coman M. finisce sul corpo di un avversario, che poi con la mano spinge fuori, l’arbitro non vede e non concede né rigore né calcio d’angolo. Al 37′ tiro di Soliz, para il portiere, al 38′ tiro alto di Coman M. Al 40′ un tiro piano di Gjoni. Al 42′ una punizione per i padroni di casa, nessun pericolo per l’Assata.

SECONDO TEMPO (1-3) al 2′ bella giocata di Gjoni per Bucur, il suo tiro è ribattuto, ma poi ancora Bucur mette dentro per il 0-2. La partita sembra chiusa, giochiamo bene e teniamo i nostri avversari nella loro metà campo. Al 20′ l’arbitro si inventa un rigore che costa anche la seconda ammonizione a Soliz, che viene espulso e rimaniamo in 10, il Castelfidardo segna dal dischetto ed è 1-2. La squadra ha il grande merito di non scomporsi e continuare a giocare. Al 21′ Ciarrocchi su punizione, bravo il portiere. Al 30′ altra punizione battuta da Ciarrocchi, la palla è alta. Al 35′ Santiago per Bucur, fuori di poco. Al 37′ altra occasione per Bucur, tiro al lato. Al 40′ tiro del Castelfidardo, Ciarrocchi ci mette una pezza e la palla colpisce il palo. 4 minuti di recupero. Al 92′ Guimfack trova ancora la forza, il coraggio e la potenza di un’azione personale, entra in area e mette un pallone d’oro per Gjoni che tira dentro, è l’1-3 del sospiro di sollievo, si festeggia sugli spalti e al triplice fischio anche in campo e poi negli spogliatoi.

IMG_1351

Siamo tornati in zona play off, a 6 giornate dalla fine, 6 partite che sono 6 finali.

Risultati, classifica, calendario

PAGELLE

Calò – 7 – oltre a dare sicurezza nelle uscite e gestire la difesa in tutto il primo tempo, impreziosisce la sua partita con un doppio intervento nel finale che salva la vittoria. Nulla può sul rigore.

Soliz – 6 – una bella prestazione, macchiata da un doppio cartellino giallo che non solo lascia la squadra in dieci, ma che costringerà la stessa a fare a meno di lui nella prossima partita. Non gli condanniamo la seconda ammonizione che ha causato il rigore, completamente inventata dall’arbitro, ma la prima, un intervento alle spalle dell’avversario, dopo le proteste di qualche minuto prima, si poteva evitare.

Rudy – 6,5 – bella partita per il terzino dell’Assata, non spinge tanto ma dalla sua parte gli avversari non sfondano mai, trovando sempre in lui e in Donald avversari insuperabili.

Carlos – 6,5 – un po’ in sofferenza nel primo tempo, quando per poco non combina un pasticcio su uno spiovente in area, cresce sensibilmente nella seconda frazione, quando non si scompone e rintuzza gli attacchi avversari con il piglio del veterano. Ammonito, sarà squalificato.

Ciarrocchi – 7 – rientro alla grande per il capitano dell’Assata. Pulito e puntuale in qualsiasi momento della partita. Quando la squadra vacilla, lui da vero condottiero la rimette in sesto e la porta fino ad acque sicure. Ci sei mancato.

Guimfack – 7,5 – altra ottima prestazione per il “muretto” dell’Assata. A centrocampo arpiona una quantità industriale di palloni e nel primo tempo va vicinissimo al goal con un inserimento intelligente senza palla. Nella ripresa, retrocesso terzino, raramente soffre la velocità avversaria e si regala l’azione travolgente del novantesimo con assist finale, che impreziosisce ancor di più la sua bella partita.

Omokaro – 7 – bentornato imperatore. Autentico dominatore a centrocampo, sradica palloni dai piedi degli avversari e trasforma ogni palla sporca in azione pulita di gioco. Il suo peso e la sua forza, oltre che la sua classe, sono le armi in più di questa squadra.

Bucur – 7,5 – il Cigno torna a ruggire anche su azione ed è ancora doppietta. Bene nel primo tempo, dove cerca di mettere ordine alla manovra e dialogare con i compagni, straordinario nella ripresa, quando oltre a segnare il goal del raddoppio, si danna l’anima nel rincorrere gli avversari e riproporsi sempre in contrattacchi intelligenti e ficcanti.

Santiago – 6,5 – la lampadina si accende a tratti, ma quando illumina il palcoscenico, la sua classe gli permette cose eccezionali. Deve trovare un po’ più di forma, a volte sono troppo lunghe le pause che si concede.

Coman M. – 6,5 – si procura il rigore dell’uno a zero e va più volte vicino alla marcatura personale, ma per foga o imprecisione, sbaglia sempre di un soffio. Cala nella ripresa, giustamente sostituito.

Gjoni – 7 – sesto sigillo personale in campionato per il “Maradona dei Carpazi”. A un primo tempo un po’ troppo fumoso, fa da contraltare una ripresa da favola piena di pressing e scatti, impreziosita dall’assist per Bucur nell’azione del raddoppio e dal goal (facile facile) della sicurezza.

Ceesay – 6,5 – entra nella ripresa e porta muscoli e freschezza alla sua squadra. In inferiorità numerica deve sacrificarsi, e lui si mette a disposizione senza risparmiare una goccia di sudore.

Spina – 6 – entra a un quarto d’ora dalla fine, e mette a disposizione la sua esperienza per portare a casa un risultato tanto importante quanto meritato.

Coman D. – sv –

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Calcio, Calcio a 11. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...