Semifinale play off girone E Ancona

2/5/2015 campo sportivo don Orione di Candia
KONLASSATA ANCONA  – ATLETICO 2008 4-2  d.T.S.
(14′ pt Coman M., 20′ st Spina, 13′ pts Spina (R), 7′ sts Stoian)

Semifinale play offKONLASSATA ANCONA: Calò, Stoian, Soliz, Anaya, Ciarrocchi, Omokaro, Ceesay, Guimfack, Coman M., Sdiri, Gjoni. In panchina: Ritelli, Pugnaloni, Coman D., Lopez, Santiago, Spina, Palombi.

ATLETICO 2008: Berrè, Cardoni, Pitrucci, Stacchiotti, Pirani, Pietrini, Morresi, Sani, Saldezzi, Tovalini, Giampieri. In panchina: Baldezzi, Falasconi, Morresi, Rissi, Baldezzi M., Tavoloni.

Konlassata Ancona - Atletico 2008  Konlassata Ancona - Atletico 2008

STREPITOSI
UN’AUTENTICA IMPRESA

DSC_0046Davvero a noi non piace vincere facile, come vedremo in cronaca, una partita cominciata a ritmi bassi, un po’ il caldo, un po’ la tensione la fanno da padroni. Comunque già al 14′ del pt si era messa nei binari giusti, poi la doppia ammonizione di Gjoni e dopo 3 minuti il pareggio degli ospiti, poi di nuovo in vantaggio al 20′, nel finale espulso il capitano Ciarrocchi e sinceramente non ne comprendiamo il motivo, al 94′ all’ultimo giro di lancetta compresi i 5minuti di recupero, arriva il pareggio ospite, 2-2. Si va ai supplementari 9 contro 11, l’impresa sembra di quelle davvero impossibili, ma i ragazzi non sono giù, sono sorretti da un pubblico incredibile per la terza categoria, ma anche in tante altre categorie superiori. Sta di fatto che entriamo in campo determinati, non rischiamo, al 13′ del pts Santiago entra in area e viene atterrato, rigore netto, ma aspettiamo l’arbitro che finalmente fischia e indica il dischetto, va Spina e segna il 3-2. Nel secondo tempo Santiago commette la più grossa delle ingenuità, prende volontariamente a centrocampo la palla con la mano, era già ammonito e viene espulso, rimaniamo in 8, adesso è davvero dura, ma al 7′ un’autentica forza della natura di nome Stoian parte palla al piede dalla difesa e come un treno arriva in area e mette dentro la palla del 4-2, grande ora l’esultanza! Gli ultimi minuti non dicono molto, in 8 contro 11 un’impresa nell’impresa, una grande partita rovinata da un arbitro a dir poco scandaloso, in tutti questi anni nei nostri racconti non menzioniamo mai l’operato dell’arbitro, ma questo ci ha messo davvero in difficoltà, anche perché il capitano avversario, scorrettissimo tutta la partita, fallosso, rissoso, non è stato mai neanche ammonito.

Sta di fatto che oggi davvero abbiamo vinto contro tutto e tutti e ora prepariamo al meglio un’autentica finale di girone, quella contro l’Osimo Five, sabato prossimo sempre al don Orione di Candia alle 16.30.

LA CRONACA

Konlassata Ancona - Atletico 2008

PT (1-0) Al 1° minuto si presenta Sdiri in area, spinto da dietro, niente di fatto, al 2′ punizione ospite, fuori. All’8′ alto un tiro della squadra di Filottrano. Al 10′ va alto un tiro di Ceesay. Al 14′ bel lancio di Sdiri per Coman M., che tira prontamente aiutato da un’indecisione del portiere, siamo in vantaggio 1-0. Al 18′ bella azione, Ceesay solo davanti al portiere, l’arbitro fischia un fuorigioco inesistente. Al 21′ fishiato altro fuorigioco a Coman M., questo ci poteva stare. Al 23′ il tiro di Sdiri è deviato in angolo, dall’angolo colpo di testa di Soliz parato dal portiere, poi tira Ceesay fuori. Al 29′ goal annullato all’Atletico 2008 per fuorigioco. Al 39′ Ciarrocchi su punizione sfiora il raddoppio. Al 41′ in bocca al portiere una punizione ospite. Al 44′ Coman M. viene atterrato in area, ci sembra rigore netto, ma l’arbitro non fischia. Al 46′ tiro alto di Soliz da buona posizione.

Konlassata Ancona - Atletico 2008ST (2-2) Al 2′ angolo per i padroni di casa, dall’angolo Coman M. tira fuori. Al 4′ fuori un tiro dell’Atletico 2008. All’11’ doppia ammonizione per Gjoni in gioco pericoloso sul portiere, rimaniamo in 10. Al 14′ arriva in contropiede il goal del pareggio, 1-1. Al 20′ doppia sostituzione, entrano Santiago e Spina, punizione proprio davanti alla nostra panchina, Santiago mette al centro un bel pallone, arriva la testa di Spina ed è goooaaalllllll, 2-1. Al 22′ ancora Spina fuori di poco, al 24′ fuori un colpo di testa degli ospiti. Al 27′ altro tiro fuori degli ospiti. Al 28′ grande palla di Santiago per Guimfack, che entra in area a tu per tu con il portiere, che gli respinge il pallone. Al 31′ dalla bandierina un tiro alto dell’Atletico. Al 32′ punizione di Spina, fuori. Al 41′ altra grande occasione per Santiago, da un bel cross di Spina, ma il peruviano si fa parare il tiro. Al 90′ 5 minuti da giocare, fallo di Ciarrocchi a centrocampo, l’arbitro lo butta incredibilmente fuori, rimaniamo in 9. Al 94′ arriva il pareggio dell’Atletico 2008, è 2-2, festeggiamenti davvero poco sportivi, come l’atteggiamento di alcuni tifosi ospiti, che anziché sostenere la propria squadra, come fanno i nostri sostenitori, hanno passato tutto il tempo a insultarci.

PTS (3-2) Si va ai supplementari, assaporiamo un’emozione nuova, al 3′ e al 7′ ci prova l’Atletico 2008, così come al 10′, ma i tiri non sono pericolosi. All’11’ battiamo un angolo. Al 13′ se ne va Santiago, entra in area e viene atterrato, rigore netto fischiato dall’arbitro, dal dischetto sicuro va l’altro Antonio, Spina, che non sbaglia, 3-2.

STS (4-2)  è ancora durissima, siamo in 9 contro 11, è vero che il pareggio ci qualifica, ma con questo arbitro non si può stare sicuri. Al 2′ Spina si presenta in area solo davanti al portiere, che gli ribatte il tiro. Al 3′ va al tiro anche Coman D., alto. Al 5′ dopo aver battuto un angolo, Santiago va vicino al goal. Subito dopo Santiago tocca con la mano, altra ammonizione ed espulsione, rimaniamo in 8, incredibile. Al 7′ grandissima azione di Stoian, fa 40 metri di campo, entra in area e segna il goal del 4-2.

Konlassata Ancona - Atletico 2008La partita finisce qui, l’arbitro dà ulteriori 3 minuti di recupero, ammonisce anche Spina e Stoian che per poco non segna un altro goal. Partita assolutamente non cattiva la nostra, che un pessimo direttore di gara ha rischiato davvero di rovinare.

GRAZIE RAGAZZI PER L’IMPRESA e sabato senza 3 pedine fondamentali ci vorrà un’altra prestazione super da parte di tutta la squadra.

PAGELLE

Calò – 7 – ancora una volta non viene chiamato a parate impossibile, ma guida egregiamente la difesa ed è stoico quando rimane in campo a dare una mano ai compagni nonostante l’infortunio. Incolpevole sui goal, sempre attento sui rilanci degli avversari, un’autentica sicurezza.

Anaya – 7 – “Faccia d’angelo” da terzino durante i novanta minuti regolamentari appare a volte timido, o timoroso di spingere con la dovuta continuità, poi da centrale sforna una prestazione tutta grinta e determinazione, come da tempo non vedevamo fargli.

Stoian – 7,5 – il nostro “soldatino” fa il brutto e il cattivo tempo per l’Assata. E’ colpevole due volte nel primo pareggio avversario, perché oltre a non concretizzare il contropiede, la squadra avversaria sfonda proprio nella sua fascia, lasciata scoperta dalla sua scorribanda offensiva, ma è eccezionale e imprendibile nei tempi supplementari quando con le sue serpentine mette a ferro e fuoco la difesa avversaria. Al 120’ correva ancora come se fosse il primo minuto di partita.

Ciarrocchi – 7 – novanta minuti giocati al massimo della concentrazione, non lascia agli avversari nemmeno le briciole, un cannibale su palle alte e a mezza altezza, ma l’espulsione al 93° è un neo che lo punisce oltre i demeriti, anche pensando alla squalifica in finale. L’espulsione è sicuramente immeritata, ma in quel minuto (93°) con la squadra ridotta in dieci, perché provare il dribbling a centrocampo elegante ma pericoloso, invece che buttare la palla il più lontano possibile??? Un’ingenuità che l’Assata avrebbe potuto pagare a carissimo prezzo.

Rohl – 7,5 – solido e implacabile, veloce e senza paura, il “mastino” boliviano, si immola baluardo insuperabile e sforna una prestazione degna di altri categorie. A volte dovrebbe essere meno fumoso e più di sostanza.

Omokaro – 7,5 – non appariscente, ma efficace. L’Imperatore si mette il centrocampo dell’Assata sopra le spalle e moltiplica le forze per raggiungere la vittoria finale. Recupera una quantità incredibile di palloni e dà serenità alla squadra, quando la palla scotta.

Ceesay – 6,5 – la “gazzella” dell’Assata svolge la sua partita senza particolari acuti personali, ma si sacrifica molto per la squadra e gioca un’infinità di palloni. Le partite sono sempre più toste, da questo ragazzo ci aspettiamo ancora un nuovo salto di qualità.

Guimfack – 6,5 – il “muretto” torna e anche se non al cento per cento, lotta e recupera palloni su palloni. Mezzo punto in meno per il goal mangiato nel secondo tempo, che avrebbe voluto dire il 3 a 1 e probabilmente la chiusura della partita.

Sdiri – 6,5 – gioca tra le linee, ma lui si perde un po’, non riesce a fare i suoi movimenti verso la fascia e a volte porta troppo palla, ha però il grande merito dell’assist a Coman Mihai per il goal dell’uno a zero e di alcune giocate che con un po’ di fortuna avrebbero potuto dare altri goal all’Assata.

Coman M. – 7,5 – ancora una volta l’”airone” colpisce. A coronamento di una partita giocata comunque con grande spirito di sacrificio, lui si fa trovare pronto e mette la firma sull’uno a zero. Non ha molte occasioni come in altre partite, ma lavora e lotta costantemente per la squadra.

Gjoni – 5 – ci aspettavamo di più dal nostro “Maradona dei Carpazi”, sin dall’inizio si vede che con la sua velocità potrebbe mettere in difficoltà i lenti centrali, ma lui si innervosisce troppo per qualche fischio mancato e si becca il cartellino giallo. All’alba del secondo tempo, è ingenuo nell’entrare sul portiere avversario e si becca il cartellino rosso per doppia ammonizione, lasciando la sua squadra in dieci e andando incontro a squalifica.

Santiago – 6 – è la media, per l’otto di una partita giocata in maniera eccezionale e il 4 per quell’ingenua, ma giusta espulsione che lo lascerà fuori in finale. Quando entra in campo nel secondo tempo è una scossa per i compagni. Assist per il due a uno, rigore conquistato per il 3 a 1, in mezzo tante giocate di qualità e una costante spina nel fianco avversario, purtroppo quella mano galeotta…

Spina – 8 – anche lui come Santiago entra e dà una scossa alla partita. Segna di testa il goal del due a uno, realizza il rigore del tre a uno, inoltre una serie di giocate di fino e di esperienza, che solo per imprecisione sua o dei suoi compagni non arrotondano ancora di più il bottino dell’Assata.

Palombi – 7 – entra nel secondo tempo e dà fiato e geometria a centrocampo. Lotta come un leone e sembra un ragazzino nei supplementari, quando lo vedi pressare in avanti e subito dopo riconquistare il pallone davanti la propria area di rigore. Prezioso e fondamentale.

Coman D. – 7 – non era facile entrare nei supplementari con la squadra ridotta in 9. Eppure il forte difensore dell’Assata si mette nella fascia di competenza e non concede nulla agli avversari, sfornando una gara di grande concentrazione e temperamento.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Calcio, Calcio a 11. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...