Finale spareggio playoff: Castelraimondo – Konlassata Ancona

Castelraimondo  23/5/2015 ore 16.30
FOLGORE CASTELRAIMONDO – KONLASSATA ANCONA  1 – 2
(91° Gjoni, 93° Omokaro)

In partenza per Castelraimondo In viaggio per Castelraimondo
In viaggio per Castelraimondo

Difficile davvero poter raccontare quello che è successo sabato, è difficile trasportare certe emozioni sulla carta. Sta di fatto che dopo la sconfitta interna nella prima partita del triangolare per 2-3, partiamo alla volta di Castelraimondo con un pullman misto tra giocatori, dirigenti e qualche tifoso (altri ci hanno raggiunto in macchina nel pomeriggio), 53 in tutto con partenza dal nostro centro sociale alle 11 della mattina, con noi anche una quindicina di richiedenti asilo. Il viaggio dell’andata è scandito da qualche coro e trascorre molto tranquillo, su precisa richiesta del mister che non voleva che la squadra si distraesse troppo, dato che c’era una partita importante da giocare. 

In viaggio per Castelraimondo In viaggio per Castelraimondo
Pranzo a Castelraimondo

Pranzo a CastelraimondoArriviamo poco dopo le 13 a Castelraimondo e andiamo a pranzo, i 18 giocatori in un tavolo tutto per loro, gli altri tavoli per i dirigenti e i tifosi, con menù differenziati, tra atleti, musulmani, vegetariani e gli altri. Fuori un tempo bruttissimo, piove molto, ma come ricorda qualcuno, le vittorie più belle le abbiamo ottenute proprio sotto la pioggia.

Terminato il pranzo si gioca a carte, sembriamo una squadra di altra categoria e una società di altra serie, ma poi quando arriva il conto ognuno paga per sé, compresi i giocatori perché la società davvero non può permetterselo.

Ironia della sorte, uno dei camerieri del pranzo ci aveva arbitrato pochi mesi fa una partita a Castelfidardo, vinta da noi per 3-1 con un uomo in meno per espulsione. Insomma non diciamo niente sul momento, ma per chi vuole crederci, i segnali positivi iniziano a essere diversi…

Castelraimondo - Konlassata Ancona Castelraimondo - Konlassata Ancona
Castelraimondo - Konlassata Ancona

Siamo al campo alle 15.00 esatte come da copione e troviamo la prima sorpresa, una pattuglia dei carabinieri davanti ai cancelli dello stadio, che ci chiede di far scendere i tifosi per controllare loro borse e strisicioni. Scoppiamo a ridere quando un carabiniere ci dice che devono controllare gli striscioni al fine di evitare contenuti razzisti! Gli raccontiamo brevemente chi siamo e andiamo a far vivere gli spalti, mentre i giocatori si avviano verso lo spogliatoio. I nostri tifosi, una trentina all’inizio, iniziano a cantare e mano a mano arrivano anche le numerose macchine e le tribune si riempiono in entrambi i settori. Anche i nostri avversari padroni di casa hanno chiamato il loro pubblico con volantini e interventi sul loro sito. Alla fine si giocherà davanti a un pubblico di 300/400 spettatori in tutto, un centinaio almeno i nostri.

Abbiamo con noi bandiere e striscioni, oltre al solito della Polisportiva, ne esponiamo alcuni che riguardano vicende recenti, come quello in solidarietà a Casa Madiba, che nel frattempo a Rimini libera un altro spazio per farne case per chi non ne ha, quello a sostegno della lotta del calcio femminile, contro ogni discriminazione e quello contro le trivellazioni nell’Adriatico, mentre a Lanciano 60 mila notriv riempiono le strade del paese. Tamburi e torce, presenti!

Castelraimondo - Konlassata Ancona Castelraimondo - Konlassata Ancona

Poco prima dell’inizio della partita i nostri tifosi mostrano ai locali uno striscione con scritto “l’Assata saluta Castelraimondo”, parte l’applauso generale e anche il coro contro il calcio moderno. Davvero quello che stiamo vivendo oggi ci riconcilia con il calcio che vogliamo, contro doping, razzismo e calcio scommesse.

Castelraimondo - Konlassata Ancona

Finalmente sono le 16:30, da dentro gli spogliatoi si sentono i cori dei nostri tifosi, Iaco piange, un’emozione così, dice, non se la ricordava dai tempi del suo debutto come portiere con la maglia del Manfredonia.

Castelraimondo - Konlassata Ancona

IMG_20150523_163115Si scende in campo, pioggia incessante come il nostro tifo, ma campo perfetto, davvero un biliardo. Giochiamo da subito come sappiamo, partiamo forte, poi al 31° subiamo goal, era davvero tanto tempo che non passavamo in svantaggio, d’altra parte loro sono fortissimi in casa, infatti non hanno perso neanche una partita casalinga in questo campionato, in cui addirittura hanno subito solo 12 goal.

Alla fine del primo tempo entriamo dentro gli spogliatoi sconsolati, il nostro capitano in lacrime perché deve lasciare l’incontro per un infortunio, negli occhi la disperazione di non farcela più, c’è un po’ di confusione, quando finalmente ci pensa Calò, il nostro portiere fa un discorso chiaro e deciso che ci sprona, rientriamo in campo sostenuti dal coro azzeccatissimo dei nostri tifosi: “ci dovete credere, ci dovete credere,…” e così riprendiamo a giocare. In contropiede rischiamo grosso in almeno 2 o 3 occasioni, in cui proprio Calò è strepitoso.

Non molliamo mai, lottiamo su ogni pallone, l’arbitro al 90° dà 4 minuti di recupero, dagli spalti è un boato, si canta “fino alla fine forza l’Assata”, poi Spina serve Gjoni, che mette dentro, al 91° è 1-1. Probabilmente tutti abbiamo pensato “almeno non abbiamo perso”.

La squadra in campo non è dello stesso avviso e Omokaro dal limite fa partire al 93° un tiro imparabile, è 1-2 e da questo momento è davvero difficile raccontare quello che è successo sugli spalti e in campo, tutta la panchina entra in campo, i compagni di squadra si abbracciano, vanno sotto la tribuna a esultare. Poi arriva dopo 6 minuti di recupero il fischio finale e i festeggiamenti sono di gran lunga superiori alle aspettative, è un tutt’uno tra pubblico e i giocatori, anche se la rete ci divide, pur se non contiene la nostra gioia comune.

Castelraimondo - Konlassata Ancona
Castelraimondo - Konlassata Ancona Castelraimondo - Konlassata Ancona

Riceviamo tanti complimenti dai dirigenti e anche dal pubblico e ovviamente ricambiamo. Festeggiamo la 2^ categoria, ma in realtà non ufficialmente, perché sabato prossimo ci sarà Pennese – Castelraimondo e solo se gli ospiti vinceranno 1-0 saremo matematicamente promossi, in ogni caso poi al 90° ci saranno i ripescaggi. Ma in realtà stiamo festeggiando questo miracolo, che si chiama Assata, che si chiama calcio popolare, stiamo festeggiando uno spogliatoio e una tribuna meticci che con tante tante difficoltà è arrivato tanto in alto, che non ha mai smesso di crederci, di giocare e di vincere, ma si è sempre ricordato di farlo in maniera corretta, stiamo festeggiano anche il saper perdere, come è accaduto con il terzo tempo di sabato scorso, dopo una tremenda sconfitta, stiamo sicuramente festeggiano un altro calcio possibile, perché se si riescono a muovere certi numeri in terza categoria, se si riescono a creare certe emozioni e viverle anche in queste categorie, vuol dire che la nostra strada è giusta e tutto in un attimo abbiamo isolato il calcio delle scommese, il calcio dei miliardi, dei padroni, della televisione a pagamento, il calcio xenofobo, razzista e sessista.

E abbiamo avuto modo di constatare che tutto questo vi spaventa, perché il calcio e la vita che vogliamo va contro alle vostre regole, ma mentre gli stadi si svuotano e non si vedono più tifosi in trasferta, ieri a Castelraimondo abbiamo mostrato altro.

Il viaggio di ritorno come potrete vedere dal video lo abbiamo passato tra canti, fiumi di birra a volontà e tanta tanta gioia. Una giornata che noi non dimenticheremo mai, che magari non vedrete raccontata dai grandi canali di comunicazione, ma che noi abbiamo vissuto.

Castelraimondo - Konlassata Ancona Castelraimondo - Konlassata Ancona

CRONACA

Stavolta affidiamo la cronaca dettagliata della partita agli avversari, che prontamente hanno scritto e pubblicato un fedele resoconto.

dalla pagina fb della Folgore Castelraimondo:

ASD Folgore Castelraimondo – Konlassata Assata Shukur 1 – 2.

ASD Folgore Castelraimondo: Marconi, Di Lupidio (80’ Di Filippo), Fabiani, Lori, Sparvoli, Passarini, Cagnucci (68’ Micucci O.), Micucci M., Salvatori (86’ Pambianchi), Nebel, Rocchegiani (85’ Nebbia). A disposizione: Simonetti, Pompei, Morbidoni.
Allenatore: Spurio.

Konlassata Ancona: Calo, Stoiani, Soliz S., Anaya D., Ciarrocchi (46’ Lopez T.), Omokaro, Ceesay (55’ Sdiri), Guimfack (63’ Palombi), Coman (68’ Spina), Santiago S., Gjoni. A disposizione: Ritelli, Pugnaloni, Ziolek.
Allenatore: Ventrella.

Reti: 31’ Cagnucci (F), 90’ Gjoni (K), 92’ Omokaro (K).

Sconfitta di misura della Folgore Castelraimondo che conduce la gara sino al 90’, fallisce numerose occasioni da rete e viene punita nei minuti di recupero subendo 2 reti. Partita giocata a tratti sotto una fitta pioggia con il pubblico che gremiva le tribune riempiendole piano piano. Belle coreografie sugli spalti con la tifoseria ospite numerosa, organizzata, colorata e calorosa che non ha mai smesso di incitare in modo CORRETTISSIMO i propri beniamini, di contro rispondevano i locali anch’essi colorati e che intonavano cori con i bambini del settore giovanile mentre gli adulti assistevano in modo più passivo. Sul campo le due compagini si sono affrontate apertamente e con grande correttezza. Le prime azioni degne di nota erano tutte di marca ospite con al 3’ la conclusione dalla distanza che colpisce la traversa con la palla che giunge al ben piazzato Coman che conclude in girata di poco sopra la traversa. La partita scorre via sino al 22’ quando Santiago S. recupera palla e fa partire un bel tiro che termina sul fondo. Al 24’ la difesa della Folgore rinvia corto e la sfera giunge a Ceesay che conclude ancora alto. Al 26’ si fanno vivi i locali con la palla per Salvatori che gira di testa per Cagnucci che conclude in scivolata con la parata di Calo. Al 29’ angolo di Nebel per la testa di capitan Sparvoli che manda la palla sul fondo di poco. Al 31’ la Folgore passa in vantaggio con la sfera che giunge a Cagnucci che viene atterrato in area, ma il direttore di gara fa proseguire con lo stesso attaccante locale che recupera palla e trafigge Calo. Al 44’ Micucci M. lancia Nebel che conclude dalla distanza con Calo che respinge di pugni. Si conclude così la prima frazione di gioco. Nella ripresa la Konlassata si getta in avanti alla ricerca del pari subendo diverse occasioni da rete da parte della Folgore che però non concretizza. Al 49’ punizione Santiago S. con la palla che finisce alta di poco. Al 53’ prima occasione fallita dai locali con la punizione messa in area da Micucci M. sulla quale non giunge di poco Di Lupidio da posizione favorevolissima. Al 65’ gran punizione di Sparvoli con l’estremo ospite che devia sopra la traversa in angolo. Al 69’ lancio lungo di Micucci M. per Nebel che penetra in area e conclude a rete con Calo che para in due tempi. Al minuto successivo recupera palla Micucci O. che allunga per Salvatori che mette in area con l’intervento in uscita bassa di Calo che tocca la sfera che giunge a Micucci O. che conclude a rete a colpo sicuro, ma Calo neutralizza incredibilmente. Al 74’ si riaffacciano in attacco gli ospiti con la rimessa laterale che termina in area a Stojan che conclude alto da posizione favorevole. All’81’ gran recupero di palla di Lori che lancia Salvatori che giunge in area e conclude alto invece di mettere al centro per il meglio posizionato Micucci O. All’83’ grandissima occasione da rete per la Folgore e capita sui piedi di Salvatori che si invola in solitaria verso la porta avversaria ed al momento di concludere viene toccato e sbilanciato da dietro. L’attaccante biancoazzurro tira ugualmente e Cola salva il risultato. Come recita un vecchio adagio gol fallito gol subito. Al 90’ giunge il pari ospite con la palla in area per Gjoni che gira prontamente trafiggendo Marconi sotto le gambe. Al 92’ arriva l’ulteriore beffa con il tiro a giro di Omokaro che finisce alle spalle di Marconi. Sconfitta immeritata dei nostri ragazzi che però non vedono ancora compromesso il loro cammino per la promozione visto che per passare dovrebbero vincere con due gol di scarto sabato a Penne San Giovanni contro la Pennese e tutto può accadere. Complimenti alla Konlassata che ci ha creduto sino alla fine ed è riuscita a far sua l’intera posta in palio.
Mauro Micucci

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Calcio, Calcio a 11. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...